The Daily Puppy

martedì 9 agosto 2011

Lo sconforto degli occhi di Luna

Ehilà! Grazie per tutti i commenti! sono commossa che qualcuno si sia commosso... ma ho avuto l'impressione che qualcuno abbia fraineso Nay'ar... bè fraintendimenti o meno, nulla era lasciato al caso e vi assicuro che non è isterica, nè da lasciar bollire nel suo brodino XP. Comunque ecco un cambio di punto di vista... giusto per cambiare... Aral cominciava a diventare pesante... no? Ecco qua allora...

Mi sentivo la testa leggera ed ero arrabbiata. Arrabbiata con lui per come si comportava. Arrabbiata con me stessa per quello che gli avevo detto. Ma chi diavolo credeva di essere? Perché diavolo gli avevo rivelato parti del mio passato che nemmeno Paffir e Liberty conoscevano? Cosa diavolo mi era saltato in mente? Non sarei mai uscita con lui. Punto e basta. Non c’era bisogno di parlargli di Hareven…
Mi diressi verso la mensa. Sapevo che era troppo tardi, oramai la cuoca aveva già chiuso la cucina, ma avrei trovato qualcosa da fare. Avevo già studiato quello che dovevo studiare e le bozze dei vestiti mi soddisfacevano, benché fossero solo il mio e quello di Shaoran, quindi non avevo nulla da fare per non pensare. Entrai in mensa mentre la cuoca stava ancora armeggiando con i vassoi.
“Cara, non c’eri a cena… mi dispiace ma la cucina è chiusa ora…”
“Non si preoccupi – le risposi – non è che la posso aiutare in qualche modo? Sa, vorrei evitare di pensare ma se vado in camera finisco col farlo…” con espressione grave mi disse che doveva ancora passare lo straccio sui tavoli, così mi offrii di farlo. Terminai in fretta. Troppo in fretta per dimenticare l’indignazione e quel senso di leggerezza alla testa che provavo ogni volta che parlavo con quel damerino da quattro soldi. Una sensazione simile non la provavo da quando mi avevano fatto la scansione mentale prima dell’ammissione… ma questa era più potente… come se al posto di una scansione fosse un rovistare
“Sorellina… sono 10 minuti che pulisci lo stesso punto del tavolo…” mi riscossi, stavo pensando troppo, giusto?
“Ch… che? Oh, ciao Sha. Non ti ho sentito arrivare… sarei venuta a cercarti tra un po’!” non dovevo farmi influenzare… non avevo a che fare con uno psionico vero?
“Cari, volete una tazza di the? Non è molto, ma per ringraziarti di avermi aiutata…” ci guardammo, sorridemmo e all’unisono:
“Grazie, molto volentieri.”
Ci sedemmo al tavolo guardandoci e per un po’ nessuno dei due parlò, poi lui ruppe il silenzio:
“Dove sei stata?” disse prendendo un sorso,
“A disegnare, sul tetto qua sopra. C’era un tramonto stupendo… comunque, guarda: è il tuo vestito. I pantaloni saranno in denim elasticizzato, così ti potrai muo…” cominciai a descriverglielo con entusiasmo, ma mi interruppe:
“Tesoro… io non vedo pantaloni…” guardai il disegno, ed effettivamente gli avevo mostrato il mio, quindi mi scusai cercando il suo tra i miei fogli, ma quando non lo trovai cominciai a disperare:
“Oh, no! Dove l’avrò messo??” ero seriamente preoccupata, era un modello fatto apposta per lui. Se mi avessero rubato il design… sarebbe stato un disastro!
“Forse è rimasto incastrato nelle tegole!” dissi piena di speranza:
“Forza, ti accompagno”. Shaoran era l’unico che assecondasse questi miei momenti di panico. Una volta gli avevo chiesto cosa gli dava la pazienza di farlo e lui mi aveva risposto che, finchè in combattimento non avessi avuto gli stessi attacchi, si sarebbe divertito ad assecondare quelli inutili di tutti i giorni. Uscimmo dalla mensa. Lo portai sul tetto e cominciai a rovistare:
“Dov’eri seduta?” indicai il punto con le lacrime agli occhi:
“Dannazione, non c’è!” ero frustrata,
“Tranquilla sorellina, elencami gli eventi fino alla mensa”
“Ero qui che ci stavo lavorando su, poi è arrivato quel playboy da strapazzo, ci stava provando, non so perché ma gli ho parlato brevemente di Hareven e, dopo aver nuovamente declinato, sono scesa in mensa… mi sentivo la testa leggera… ora non più. Chissà perché…”
“TU GLI HAI PARLATO DI HAREVEN? MA TI HA DATO DI VOLTA IL CERVELLO?”
“Ero certa che avresti avuto questa reazione, quindi non sono una che parlerebbe di Hareven al primo incontro con chiunque… giusto?” gli chiesi sedendomi e affondando la faccia tra le ginocchia;
“NO CHE NON LO SEI! Ci scommetto i cordoni neurali… tutto questo è opera sua… ma appena lo prendo, io…” probabilmente avevo la faccia molto crucciata, perché dopo la sfuriata si calmò e con malcelato disinteresse mi chiese a cosa servisse il vestito, così gli spiegai che Uno mi aveva detto che ci sarebbe stato un ballo:
“così ci stavo facendo dei vestiti, il tuo era davvero bello Sha… mi ero impegnata tanto per fondere delle linee Hip-Hop con quelle di un modello elegante… la scelta dei materiali era fantastica… all’avanguardia ma…” mi sorrise rassicurante:
“Non ti preoccupare sorellina, domani riavrai il tuo modello. Vedrai.”
“Ma… come…?” gli chiesi scettica,
“Ti fidi di me?”
“Certo… ma…”
“Brava la mia sorellina. Fidati di me che problemi non ce ne saranno mai. Ora andiamo. Il coprifuoco è tra poco e se Mino ci scova fuori sono guai seri.”
Con i miei dubbi e le sue certezze ci avviammo alle nostre stanze.
Avevo un brutto presentimento e benché mi fidassi ciecamente di Shaoran Li, la mia notte fu dominata dal dubbio e dallo sconforto; e per la prima volta dopo anni, nei miei sogni, rivissi l’abbandono di mio padre.
Allora? Vi siete chiariti di più le idee? Anche se non fosse così... bè troppo tardi... perchè arrivato il giorno dopo un annuncio sconvolge i ragazzi, occasioni create, perse, trovate. Dubbi si insinuano, si dissipano, si rafforzano. Sfide, odio, amicizia... tutto questo nella prossima puntata di Nay'ar Chronicle: 'Il sorgere del sole, il tramonto della purezza?' non perdetelo!! Al prossimo post!
Ciaaaaaaaaaaaaaaaaaaaooooooooooooooooooooooooo!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! 

3 commenti:

  1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  2. Grande Shaoran! Un omino, una citazione.
    E' sempre pronto a grandi citazioni.
    Un grande amico su cui contare sempre...
    Oh, no! Povera Nay'ar! La prossima volta che incontra Keichi cosa succederà? La costringerà a baciarlo? Eheheheheh! Così il capitolo dopo sarà "necrologio per un playboy da strapazzo".
    Comunque la tua punteggiatura sta migliorando.

    RispondiElimina
  3. sha vs keichi? *ç* un po' di sana competizione?

    RispondiElimina